PMLI, L’APPELLO: LOTTA PER SALVARE IL TRIBUNALE DI ISCHIA

57

La Cellula d’Ischia del PMLI “Il Sol dell’Avvenir”

La forte denuncia dei componenti la Commissione per le difese di ufficio e il gratuito patrocinio a spese dello Stato, voluto fortemente dalla Camera penale di Napoli per monitorare la situazione nella città campana e nell’isola d’Ischia, trova schierati i marxisti-leninisti dell’isola nella battaglia per garantire ai più deboli, alle masse, ai lavoratori indigenti il diritto alla giustizia che oggi è vergognosamente negato!

La Cellula d’Ischia del PMLI “Il Sol dell’Avvenir” invita gli oltre quattrocento avvocati isolani e i lavoratori a sostenere la lotta per impedire l’incomprensibile decisione dei vertici napoletani di sopprimere il Tribunale d’Ischia; a pretendere che il diritto alla giustizia sia garantito gratuitamente anche ai lavoratori e alle masse più deboli.

I marxisti-leninisti condannano l’atteggiamento superficiale dei sindaci dei comuni isolani, evidentemente incapaci di rappresentare e rivendicare le esigenze delle popolazioni isolane, di adottare adeguati sistemi di lotta certamente più incisivi delle loro formali dichiarazioni di rito; ritengono inutile e sprecata la carica di Presidente dell’ANCIM ricoperta dal sindaco di Forio d’Ischia Francesco del Deo, che non è in grado di imporre al governo di turno il rispetto dei diritti degli isolani (di Ischia, Elba e Lipari) alla giustizia ed alla fruizione di un Tribunale che qualcuno ha inspiegabilmente deciso di sopprimere.

La Cellula d’Ischia del PMLI “Il Sol dell’Avvenir”, mentre esprime la sua solidarietà e la sua disponibilità a scendere in campo, sollecita l’Assoforense ad intraprendere le forme di lotta più efficaci, ad alzare la voce, ad essere con la massima fermezza dalla parte dei più deboli.