ADDIO A LELLO PILATO: LUNEDI’ I FUNERALI, IL RICORDO DI GIOSI FERRANDINO

4

Si svolgeranno domani, lunedì 15 novembre, alle ore 10 presso la Cattedrale di Ischia Ponte, i funerali di Lello Pilato, scomparso dopo aver combattuto contro una malattia. L’eurodeputato Giosi Ferrandino ha voluto ricordarlo con questo messaggio:

“Confesso una viva emozione mentre penso al tempo trascorso con Lello. Il mio ricordo è quello di un uomo buono, leale ed appassionato, che ha lasciato un segno tangibile nella nostra comunità con il suo impegno politico, sociale e professionale.
Con lui ho vissuto momenti molto intensi, sia durante il nostro comune percorso politico e amministrativo che nella vita privata.
Lello era prima di tutto un amico con il quale ho condiviso momenti di vita che custodisco con nostalgia e rimpianto, un po’ perché segno inesorabile del tempo che scorre, un po’ perché, purtroppo, non potremmo più condividerne di nuovi.
C’era un senso di profonda consapevolezza nell’agire di Lello. Era talmente tanto pervaso dalla ferma convinzione che l’agire politico e sociale dovesse essere finalizzato al miglioramento della società nel suo complesso che ha applicato quella convinzione in ogni singola esperienza della sua vita, che fosse il basket, con il quale ha formato intere generazioni di ischitani, la professione o la politica.
Di Lello ricordo il sorriso, smaliziato ma sincero, grazie al quale riusciva sempre a stemperare i toni, anche nei momenti più difficili. Era una persona solare, alla quale piaceva vivere e che non ha mai rinunciato ad esprimere la propria personalità, con tutte le sue sfaccettature.
Il nostro non è sempre stato un rapporto semplice, se riferito alla politica. Abbiamo avuto alti e bassi, dettati dai momenti di vita amministrativa o partitica. Alla fine però ci ritrovavamo sempre perché, al di là dell’amicizia, che non è mai venuta meno, c’era una sincera, reciproca stima alla base del nostro rapporto.
Oggi con Lello perdo un amico, un compagno di partito, il segretario del mio circolo, un punto di riferimento della nostra comunità.
Mi mancheranno le discussioni infinite che riuscivano a spaziare dall’analisi della politica nazionale a quella amministrativa ischitana, passando per calcio, basket, turismo, famiglia e tantissimo altro ancora.
Mi mancherà, soprattutto, incontrarlo fuori al comune, a piazza degli Eroi, al bar vittoria a via Roma o a Ischia Ponte, e poter prendere con lui un caffè prendendoci in giro con leggerezza, ironia e stima.
Addio, amico mio”