ALLARME-PARASSITA PER I CASTAGNETI ISOLANI

24

Le castagne dell’isola d’Ischia rischiano di sparire. Certo ci sarebbe sempre la possibilità di comprare quelle d’importazione, ma il rischio di non vedere più nei boschi i ricci e il loro prezioso frutto nei sentieri dell’isola sta diventando tangibile. Il grido d’allarme si ripropone a Forio, dopo che già in maggio sull’isola si era parlato della pericolo estinzione castagne made in Ischia. Il danno è causato da un parassita che sta compromettendo la vitalità dei castagneti procurando il serio rischio di vedere decimato il patrimonio arboreo del comune montuoso dell’isola, ma non solo. Ad essere incriminato è il Cinipide Galligeno un insetto particolarmente aggressivo e nocivo per gli alberi isolani che potrebbe compromettere la flora di tutta Ischia. Le segnalazioni da parte dei cittadini non si contano.  A risollevare la questione è il consigliere comunale Giovanni Mattera che con una missiva alla dottoressa Daniela Carella torna a chiedere l’aiuto dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Campania e al servizio fitosanitario regionale. Si richiede un urgente intervento finalizzato ad inserire il territorio del Comune di Forio e quello dell’intera isola d’Ischia nei programmi di lotta biologica al Cinipide Galligeno del castagno, mediante lanci programmati e ben dimensionati alla gravità della situazione in atto, dell’insetto antagonista specifico. Si legge nella missiva carica di ansia per le sorti del patrimonio arboreo ischitano.