ARRIVO DEL G7, CONTROLLI AL VIA: ISCHIA E’ GIAì BLINDATA

4636

Prosegue inesorabile ad Ischia il conto alla rovescia in vista del G7 dei Ministri degli Interni, in programma. La macchina della sicurezza si è già messa in moto: gli agenti del commissariato di polizia hanno provveduto a perlustrare l’area attigua all’Hotel Punta Molino. La zona è stata battuta palmo a palmo, sui cieli dell’isola verde un paio di elicotteri della polizia hanno più volte perlustrato il territorio dall’alto. A mare, ovviamente, ci penseranno le motovedette.

I tutori dell’ordine hanno provveduto anche a studiare quello che sarà il percorso che i protagonisti del meeting dovranno percorrere per giungere a destinazione. Mentre, nel frattempo, sale l’attenzione anche per eventuali azioni di “disturbo” che potrebbero essere messe in atto dai contestatori e scalmanati di turno. Su espressa richiesta della Questura di Napoli, infatti, la Federalberghi Ischia ha trasmesso una circolare ai propri associati con la quale detta una serie di norme ben precise cui attenersi per segnalare la presenza di ospiti nelle proprie strutture: a far data da oggi tramite pec bisognerà comunicare tutte le informazioni disponibili sulle prenotazioni effettuate per le date in cui cade il G7 ed anche (laddove clienti abituali) sugli ospiti dell’albergo. I porti di Ischia, Casamicciola e Lacco Ameno saranno presidiati da carabinieri e polizia con largo anticipo, c’è il rischio e il sospetto che eventuali facinorosi potrebbero arrivare diversi giorni prima e naturalmente sparpagliati evitando così di dare nell’occhio. Così come in estate ci sarà presumibilmente anche un’attività di controllo sulle affittanze, per essere certi che nessuno provi a utilizzare il fenomeno della locazione di un immobile per sfuggire al check in alberghiero e dunque all’inevitabile identificazione alla ps.