ASILO ALLA SENTINELLA, TRA DUE SETTIMANE IL TAR NOMINERA’ IL COMMISSARIO AD ACTA


24

Avrà luogo tra due settimane l’udienza in cui la Quinta Sezione del Tribunale Amministrativo della Campania nominerà il commissario ad acta che dovrà riconsegnare l’asilo della Sentinella alla Diocesi di Ischia.  L’avviso arriva a poco più di due mesi dalla decisione del Consiglio di Stato che lo scorso 26 luglio  respinse il ricorso del Comune di Casamicciola, di fatto legittimando la sospensione cautelare, disposta dal Tar, della requisizione dell’immobile firmata dal sindaco Giovan Battista Castagna. Fu un duro colpo per il Comune, che ora è costretto a cedere il possesso dell’immobile, dove auspicava di sistemare la scuola materna dell’istituto Ibsen. In piena estate la Quarta sezione del Consiglio di Stato emise  l’ordinanza che sancì la vittoria, almeno in questa fase cautelare, della Diocesi. Decisiva fu l’articolata memoria dall’avvocato Molinaro, secondo cui «con relazione di perizia del 18 giugno 2018, depositata in pari data, l’ing. Orlando Marano, all’uopo incaricato dal comune di Casamicciola Terme, ha dichiarato “l’idoneità statica dell’edificio denominato Asilo infantile Maria SS. Immacolata”. Nella stessa relazione viene, peraltro, chiarito che la struttura esistente presenta valori del rischio sismico superiori al 50% (in particolare pari al 54,8%), sicché la stessa, solo per tale aspetto, risulta oggettivamente inidonea dal punto di vista sismico». La memoria continuava affermando che «da un esame anche sommario del predetto elaborato emerge, comunque, che il giudizio di idoneità statica della predetta struttura è stato formulato ai sensi delle NTC 2008 (normativa all’epoca vigente).  Senonché, come emerge dalla relazione asseverata dell’ing. Benito Trani depositata in pari data, la normativa applicabile, in base alla quale deve essere redatta la valutazione della sicurezza di una costruzione esistente, che ha come scopo principale proprio quello di garantire un uso in sicurezza della stessa, pone una serie di obblighi sia di natura tecnica che procedurale». Tra questi obblighi vi è quello dell’effettuazione di una valutazione della sicurezza di una costruzione esistente, valutazione che deve essere presentata in triplice esemplare, ai sensi dell’articolo 2, comma 5, della legge regionale n. 9/1983, al settore provinciale del Genio civile competente per territorio, che ne attesta l’avvenuta presentazione e ne restituisce due esemplari. Uno di questi va trasmesso al Comune. Ebbene, come spiegò l’avvocato Molinaro nella memoria, nel caso in esame «la valutazione della sicurezza dell’immobile in via Castanito del Comune di Casamicciola Terme, redatta dall’ing. Orlando Marano e dall’ing. Sabato Polzone, non risulta né presentata né depositata presso il competente Ufficio del Genio Civile di Napoli. Tale evidente carenza, ai sensi della richiamata normativa, di certo rende, allo stato, la costruzione inagibile, ovvero inutilizzabile». A sua volta, la nomina del commissario che restituirà il possesso dell’immobile alla Diocesi precederà di un mese e mezzo la celebrazione del giudizio di merito,  fissato agli inizi di dicembre.