CALCIO A 5, PLAY OFF: ALLA VIRTUS LIBERA LA GARA DI ANDATA COL MESSINA (2-1)

63

PLAY OFF (Semifinale – andata)

VIRTUS LIBERA ISOLA D’ISCHIA – MESSINA FUTSAL 2 – 1

VIRTUS LIBERA: Di Meglio, Liistro, Moraes 2, Coppa, Cuomo, Egea, Fondicelli, Lubrano Lavadera L., Mainolfi, Pereira, Polito, Rossi. All. Di Costanzo

MESSINA FUTSAL: Fiumara, Cucinotta, Gennaro, Coppolino, Consolo, Costanzo 1, Malouk, Guarinieri, Irrera, Barbagallo, Piccolo. All. Mittelman

ARBITRI: Sig.ri Galasso di Aprilia e Mella di Roma 1

CRONOMETRISTA: Sig. Cagno di Napoli

AMMONITI: Egea, Mainolfi (VLI); Coppolino, Consolo, Guarnieri.

 

Con una doppietta di Leo Moraes, la Virtus Libera Isola d’Ischia si aggiudica la gara di andata della semifinale play off con il Messina. In un palazzetto Casale che anche in questo sabato ha offerto un colpo d’occhio spettacolare, i padroni di casa impiegano appena cinque minuti per portarsi in vantaggio: Moraes sfida a duello un avversario, si procura lo spazio per la conclusione e lascia partire una conclusione a giro che termina nell’angolino. Poco dopo gli isolani potrebbero raddoppiare ma Egea non approfitta di una dormita degli ospiti. Anche il Messina ha una buona occasione con Costanzo che, sotto misura, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. E’ soprattutto la Virtus Libera, però, ad andare ancora vicino al gol con “Papi” Pereira che manda alle stelle da ottima posizione, sprecando una ottima ripartenza dei suoi. Quando manca una manciata di secondi all’intervallo i giallorossi pareggiano i conti con Costanzo che ruba palla a Moraes e non lascia scampo al portiere isolano. Al riposo le due squadre sono in perfetta parità. Nella ripresa, la squadra di mister Di Costanzo pigia ancor di più il piede sull’acceleratore creando numerose palle gol. Prima Fondicelli, poi Egea, la cui conclusione viene fermata quasi sulla linea da un difensore ospite a portiere battuto, spaventano il Messina. A riportare in vantaggio gli isolani, però, è ancora Leo Moraes con un gol da cineteca: l’asso della Virtus riceve da rimessa laterale e lascia partire una conclusione di rara bellezza che termina direttamente all’incrocio dei pali. I padroni di casa non si accontentano del vantaggio e continuano ad imporre il proprio gioco, rendendosi più volte pericolosi. Mainolfi viene fermato soltanto dal palo, mentre Fondicelli sfiora in due circostanze il gol. La palla però non ne vuole sapere di entrare, con il risultato che non cambia più fino al triplice fischio. Vince la Virtus Libera, protagonista di una grande prestazione. Tra sette giorni il return match in terra sicula.