CALCIO A 5, SERIE C/1: LA VIRTUS LIBERA CALA IL TRIS

1
Serie C1 – Girone unico
3° giornata
VIRTUS LIBERA FORIO – OLYMPIQUE SINOPE 11 – 4
V.L. FORIO: De Nicola, La Marca 1, Mainolfi, Coppa, Polito, Morgera, Melise 2, Beneduce, Buono, Rossi 3, Cuomo 5, Di Meglio. All. Monaco

O. SINOPE: Morrone, Russo, Esposito C. 1, Di Iorio, Testa, Piperno 2, Brunelli 1, Busino, Silvestre, Esposito S., D’Angelo, Di Toro. All. Zevola

Arbitri: Sig. Raiano di Napoli e Cepollaro di Ercolano
Note: all’8’ s.t. espulso Russo (OS) per doppio giallo; ammoniti: Cuomo, La Marca, Polito (VL); Piperno, Di Iorio, Russo, Testa, Esposito S.
Sono tre su tre. La Virtus Libera Forio batte anche, dopo Sorrento e Cus Napoli, la temibile Olympique Sinope e si conferma protagonista di uno strepitoso inizio di campionato. Al Palazzetto Casale l’equilibrio dura un tempo: nella ripresa capitan Coppa e compagni mettono subito la freccia, conquistando un importante vantaggio che non sarà mai realmente messo in discussione fino al triplice fischio. La Libera così centra la terza vittoria in altrettante gare.
La partita. Frizzante sin dalle prime battute, la partita vede affrontarsi due compagini ben messe in campo e decise a sviluppare il proprio gioco. Nei primi minuti mancano i gol, non le occasioni. Il primo squillo della partita è di marca locale: Beneduce, dopo una manciata di secondi, impensierisce capitan Morrone. Al 2’ soltanto il palo salva gli ospiti dalla conclusione di Raffaele Cuomo. Piperno, dall’altra parte, pareggia subito il conto dei legni. Al 7’ l’Olympique Sinope trova la rete del vantaggio in modo rocambolesco: la palla calciata da Di Meglio sbatte sul corpo di Piperno e finisce beffardamente in rete. I padroni di casa reagiscono e, dopo il legno colpito da Polito, intorno alla metà del primo tempo pareggiano i conti con lo splendido gol di Melise: “DM7” quasi all’altezza della bandierina toglie la ragnatela dall’incrocio dei pali battendo Morrone. Ancora due emozioni prima dell’intervallo: gli ospiti non concretizzano una pericolosa ripartenza tre contro uno; mentre, nell’altra metà campo, La Marca manda di poco fuori.
Nella ripresa, lo show della Virtus Libera inizia subito: a Cuomo bastano una manciata di secondi per portare avanti i suoi ed iniziare il proprio personale spettacolare fatto di magie, giocate e ben cinque reti. Al 5’ è ancora RaffyGol, servito da schema su angolo, a calciare in maniera vincente alle spalle di Morrone. Pochi secondi dopo la rete del 3 a 1, i padroni di casa colpiscono ancora con la veloce ripartenza di Melise finalizzata da Gianni La Marca. All’8’ il contatto in area ai danni di Beneduce produce il calcio di rigore in favore degli isolani, oltre alla espulsione (per proteste) di Russo. Morrone, però, è bravissimo a respingere la conclusione di Rossi. Al 9’ colpisce ancora RaffyGol Cuomo che, dopo una serie di scambi con Melise, trova di nuovo la traiettoria vincente. La partita è veloce e vibrante e le due squadre esauriscono ben presto il bonus falli, determinando così una lunga sequenza di tiri liberi: al 10’ Di Meglio si oppone a Busino. L’Olympique si rifà con la rete di Esposito all’11’. Anche gli ospiti esauriscono il bonus falli: al 13’ dalla lunetta Rossi non sbaglia. Subito dopo padroni di casa ancora in gol con Daniele Melise. A questo punto, la lunga sequenza di tiri dalla lunetta vede le reti di Piperno per gli ospiti al 10’, e poi ancora due reti di Rossi e La Marca dalla lunetta. La lunga sequenza di tiri liberi è intervallato da altri due gol di Raffaele Cuomo per la Virtus Libera e dal centro di Brunelli per l’Olympique. Finisce 11 a 4 in favore degli isolani.
Per Antonio. La Virtus Libera Forio ringrazia tutti coloro che, assieme ai dirigenti, staff tecnico e squadra biancoverdenera, hanno contribuito alla raccolta fondi in sostegno del nostro tifoso Antonio. Un ringraziamento particolare va formulato all’Olympique Sinope, la quale, appena appreso della nostra iniziativa, ha – con un gesto di grande generosità – deciso di contribuire anche essa. Il gesto bellissimo: lo Sport, quello vero, unisce nella vita. Al di là di ogni colore.