CAMBIAMENTO CLIMATICO, I RISCHI PER L’ISOLA

0

Tra nemmeno ottant’anni potremmo perdere i luoghi più belli e iconici della nostra isola, destinati a scomparire. Niente più passeggiate estive a Sant’Angelo. Le acque del porto di Ischia lambiranno piazza degli Eroi. Addio al lungomare di Casamicciola dove l’acqua potrebbe raggiungere e superare il Pio Monte della Misericordia. Stessa sorte per il lungomare di Lacco Ameno dove non sarebbe più possibile ammirare il Fungo del comune di Santa Restituta. I Maronti? Spazzati via dalle onde del mare e anche il centro di Forio sarebbe destinato a essere inondato dai flutti del mare. Ischia Ponte sarebbe inondata sempre e non solo quando l’alta marea e il cattivo tempo costringe i residenti a indossare le galosce. La riva destra, già vessata da un’alta marea che ricorda Venezia, nemmeno ci sarebbe più. L’ allarme è stato lanciato da uno studio di Climate Central, organizzazione no profit americana che ha recentemente condiviso una mappa ricavata dalle nuove tecnologie concesse dagli ultimi ritrovati dell’informatica. Il risultato è molto più pessimistico del passato. Con ripercussioni sociali, economiche e ambientali catastrofiche.