CARUSO E LA SUA SERRARA FONTANA: “UN PAESE SICURO E TRASPARENTE”

36

«Nel corso di questo mandato abbiamo messo in sicurezza, dal punto di vista antisismico, tutti gli edifici pubblici. Ho provato a trasmettere la mia idea, e mi rendo conto che siamo diventati una ‘casa di vetro’. A breve, inoltre, prenderanno il via una serie di concorsi in cui la parola d’ordine sarà: meritocrazia».  Parola di Rosario Caruso, sindaco di Serrara Fontana, in una intervista rilasciata oggi a Il Golfo. «L’ho detto e lo ribadisco, il Comune unico non può rappresentare una scelta utile per la nostra isola. Se maturiamo come cittadini, come società e come classe politica, forse il Comune unico potrebbe rappresentare qualcosa di utile. Ma non credo che lo sia in questo momento». Poi uno sguardo al peso politico dell’isola: «Politicamente Ischia è ben rappresentata. Abbiamo un senatore, un europarlamentare ed ora anche il presidente dell’Ancim e due componenti del direttivo dell’Anci. I colleghi che rappresentano la nostra isola in questi organismi sovracomunali sapranno ben rappresentarci e presentare le nostre istanze». Sulla caduta di Pascale, Caruso dice: «Lacco Ameno? Tutti dicono che ci sia la voglia da parte del senatore (De Siano ndr) di ritornare a candidarsi come sindaco. Aspirazione legittima. L’unica mia perplessità è legata al fatto che credo che la scelta fatta nelle ultime settimane sia ingiusta: a decidere deve essere sempre il popolo…». E sulla gestione dei rifiuti: «Non ci giro intorno: la percentuale di raccolta differenziata a Serrara è davvero bassa. Manca un’isola ecologica e questo penalizza la gestione del servizio di igiene urbana. Questa criticità la stiamo superando dato che abbiamo provveduto ad acquistare un terreno nei pressi del cimitero che ha ottenuto anche l’ok della Soprintendenza».