CASAMICCIOLA, L’OPPOSIZIONE SI RIVOLGE A… DE SIANO


50

L’epicentro della politica casamicciolese, in vista delle elezioni, sembra essersi paradossalmente spostato in quel di Lacco Ameno. Sì, all’ombra del Fungo e per essere più precisi in Piazza Santa Restituta, dove insiste l’Hotel La Reginella che è il quartier generale del senatore Domenico De Siano. Che, in un territorio limitato non soltanto in termini di superficie ma anche di popolazione, detiene un potere elettorale che evidentemente viene ritenuto fondamentale per poter portare a casa da vincitori la competizione elettorale. Ed è proprio in questa ottica che andrebbero viste una serie di “processioni” che si sono verificate negli ultimi tempi dalle parti del coordinatore regionale di Forza Italia da parte di esponenti dell’opposizione casamicciolese.

Secondo quanto si apprende, prima di partire per concedersi una ritemprante vacanza, a varcare la soglia del Reginella è stato il tre volte sindaco di Casamicciola. Arnaldo è stato a colloquio con De Siano chiedendogli se ci fossero i presupposti per sostenere la propria candidatura alla carica di primo cittadino. Uno scenario che appena qualche tempo fa sarebbe apparso assolutamente impensabile. Attenzione, però, perché il commercialista non è stato l’unico a giocarsi il “jolly”. La stessa processione l’ha messa in atto anche un altro consigliere di minoranza, quel Ciro Frallicciardi che specialmente negli ultimi tempi sembra aver maturato la volontà di provare la scalata alla poltrona più ambita del municipio della cittadina termale. Anche in questo caso quattro chiacchiere con Domenico De Siano sui cui contenuti purtroppo siamo in grado di rivelarvi ben poco. Pare che il senatore sia stato garbato con entrambi, offrendo il caffè ed ascoltando, ma è chiaro che ci pare evidente che mai e poi mai il braccio destro di Silvio Berlusconi in Campania potrà cedere il nulla osta ad un’operazione del genere. Attenzione, però, perché la doppia sortita un significato ce l’ha: evidentemente l’attuale minoranza ritiene che all’interno dell’amministrazione guidata dal sindaco Giovan Battista Castagna si sia creata una “falla” e che questo abbia generato una “crepa” tale da indurre anche due esponenti come Ferrandino e Frallicciardi a catapultarsi in terra lacchese. Una teoria, questa, che tutto sommato ci può anche stare. Non è un caso che lo stesso Maurizio Pirulli, che proprio nell’edizione di ieri del quotidiano Il Golfo ha rilasciato un’intervista che è stata oggetto di discussione nelle “agorà” casamicciolesi. L’architetto è tra coloro che ha provato a seminare scompiglio all’interno della maggioranza, e tutto questo proprio per poter creare i presupposti per l’ennesimo tentativo dell’amico Arnaldo Ferrandino di indossare la fascia tricolore. Già, ma intanto che cosa succede proprio all’interno del gruppo che amministra attualmente il paese? Per adesso tutto tace, ma è chiaro che questo silenzio non potrà durare ancora a lungo. I veli stanno per essere scoperti, dovrebbe essere questione di giorni.