DERBY PITONE-PIRICELLI, SALTA L’INCONTRO DELLA LEGA A CASAMICCIOLA


16

 

Rimandata la prima. Ieri pomeriggio a Casamicciola, presso il ristorante “il Signore degli Agnelli” era in programma l’incontro politico delle Lega-Salvini con gli elettori e simpatizzanti del partito guidato dall’attuale Ministro degli Interni Matteo Salvini, che proprio in questi giorni ha promesso di fare presto visita sull’isola e di pernottare nell’albergo Solemar Beach & Beauty di Aldo Presutti travolto dalle polemiche, dopo la promessa di concedere sconti a tutti i sostenitori e simpatizzanti del partito guidato dal leader della Lega.

In mattinata però l’organizzatore dell’evento, l’ingegner Vitale Pitone, delegato Lega per Casamicciola, ha annunciato l’annullamento dell’incontro diramando questo comunicato:

“In merito all’incontro politico della Lega-Salvini in programma questo pomeriggio alle ore 16:00 nel Comune di Casamicciola, a causa del recente evento sismico, nonché attesa l’assenza del coordinatore provinciale Biagio Sequino, impegnato a Roma insieme ai parlamentari campani della Lega per importanti questioni istituzionali relative all’intera area metropolitana di Napoli, si è ritenuto opportuno rinviare la discussione politica a settembre.”

L’evento è quindi saltato. Stando a quanto riportato dall’ingegner Pitone a causa della lieve scossa di terremoto avvertita su tutta l’isola e per l’improvvisa mancanza di disponibilità di Biagio Sequino, il segretario provinciale della Lega che ha dato mandato all’ingegnere Pitone per coordinare le attività su Casamicciola con inoltre la gestione dell’attività di tesseramento su tutto il territorio dell’isola d’Ischia. L’ingegner Pitone ha infatti chiarito: “ Continuerà ad essere operativa la campagna di tesseramento. Si coglie l’occasione per ringraziare gli onorevoli Cantalamessa e Castiello della Lega che con la loro attività stanno portando buoni risultati all’intero territorio ischitano, e che saranno sicuramente presenti a breve sull’isola. “

La giustificazione dell’annullamento causato dalla lieve scossa di poco superiore al secondo grado della scala Richter ha suscitato non poche polemiche tra i simpatizzanti e coloro che hanno letto il comunicato stampa, ricordando quanto poco opportuno possa essere creare inadeguati allarmismi in un periodo dell’anno così delicato per la stagione turistica e ritenendo quanto mai poco chiaro il motivo per cui un evento del genere debba saltare quando poi tutte le attività sull’isola d’Ischia sono continuate come se niente fosse successo dato che, fortunatamente, non c’è stato alcun danno alle cose né tanto meno alcun ferito per un terremoto di lieve entità, percepito da molti, ma che non ha avuto nefaste conseguenze.

Il sospetto, come anticipato dall’articolo de “Il Golfo” andato in stampa ieri, è che l’incontro sia in realtà saltato per impedire un importante incidente diplomatico tra la segreteria provinciale, che in questo momento sta interloquendo con l’ingegner Vitale Pitone e il coordinamento regionale che invece ha dato fiducia, fin dai tempi della campagna elettorale delle politiche tenutasi in primavera, al Comandante Colonnello Antonio Piricelli.

Se questa vicenda fosse un film andrebbe intitolata: “Una poltrona per due” o anche “The Snatch – Lo Strappo”. La spaccatura è stata sventata per poco. Se gli alti vertici campani della Lega non fossero corsi ai ripari alcuni degli attori principali che hanno contribuito all’esaltante risultato ottenuto a marzo dal partito di Salvini con 1500 voti e il 7% delle preferenze, probabilmente avrebbero voltato le spalle al progetto ischitano della Lega

E non sono pochi gli amici che hanno dato una mano ad Antonio Piricelli a fare in modo che il logo della Lega potesse fare breccia con tanto entusiasmo nell’animo degli elettori isolani: c’è il consigliere comunale ed ex sindaco di Casamicciola Luigi Mennella, Giacinto Calise su Lacco Ameno, l’avvocato Luigi Muscariello, il consigliere di Forio Gianni Mattera, l’avvocato Immacolata Capiano, il dottor Sergio Di Meglio, candidato alle ultime elezioni di Ischia.

Tutte persone che comunque non avrebbero partecipato, semmai fosse stato confermato, all’incontro in piazza Marina perché non invitate. Uno smacco di non poco conto che adesso reclama un fermo e deciso intervento diplomatico per capire come risolvere una diatriba che rischia di rallentare il cammino della Lega a Ischia che, stando all’umore percepibile nelle piazze e sui social, dovrebbe avere ampie possibilità di crescita. Tutto è stato rimandato a settembre quando gli animi si saranno acquietati e dopo che finalmente si sarà fatta chiarezza sull’organigramma della Lega che dovrà operare sull’isola d’Ischia.