FERRAGOSTO ALL’INSEGNA DELLE RISSE


20

A Ferragosto e dintorni gli animi sono decisamente esagitati e gli atti di violenza, piccoli o grandi che siano, gettano tutta l’isola, ma soprattutto le zone più centrali, in una morsa di degrado umano. I piccoli e grandi casi di cronaca  ogni giorno che passa disegnano un’isola in balìa del cattivo gusto, della rabbia e delle scazzottate. Si susseguono le segnalazioni di battibecchi, litigi e vere e proprie risse che scoppiano anche per futili motivi. Nel pomeriggio presso la Spiaggia di San Pietro diverse famiglie si sono lasciate andare a una scazzottata degna dei film di Bud Spencer & Terence Hill, con urla, minacce, calci e pugni e nuvoloni di polvere ad alzarsi sulla spiaggia portuale, quasi come in un film d’animazione. Solo l’intervento delle forze dell’ordine è riuscita a calmare gli animi. Motivo del contendere? Con ogni probabilità l’esuberanza dei bambini di una delle due famiglie che ha suscitato il fastidio dei vicini d’ombrellone.

Altro episodio. Nonostante i cartelli e gli inviti del personale a non indossare pantaloncini corti nella sala ristorante, uno degli ospiti di un centralissimo hotel ischitano non ne ha proprio voluto saperne di indossare i pantaloni lunghi. Mangiare in bermuda deve aver rappresentato davvero una circostanza quasi vitale se all’ennesimo invito a vestirsi secondo il dress-code stabilito dalla struttura alberghiera l’ospite ha iniziato a inveire contro il personale arrivando quasi alle mani. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha riportato ordine in una situazione che stava per degenerare. Anche a San Ciro non sono mancati la scorsa notte attimi di tensione che hanno costretto all’intervento delle forze dell’ordine. A venire alle mani un gruppo di ragazzi, per motivi ancora non meglio chiariti. Sul posto le volanti della polizia sono riuscite a spegnere la rissa.