FORIO, L’OPPOSIZIONE INVOCA L’ANNULLAMENTO DEL BANDO PER LA N.U.

37

Una nota firmata dai consiglieri comunali di minoranza di Forio Ignazio Di Lustro, Vincenzo Di Maio, Jessica Maria Lavista, Stani Verde, Leonardo D’Abundo e Nino Savio,  ha un oggetto abbastanza chiaro ed emblematico: “Richiesta annullamento del bando per l’affidamento del servizio integrato e di gestione dei rifiuti per il settennio 2020-2027 nel Comune di Forio, con revisione del capitolato e gli oneri per non esporre l’amministrazione a contenziosi da parte anche degli utenti per i costi eccessivi imputati e dai partecipanti alla procedura stessa”. La nota stessa si conclude così: “Tutto quanto premesso ed esposto i consiglieri comunali concludono pertanto con la richiesta di annullamento e/o revoca del bando e per la revisione del capitolato e degli oneri al fine di non esporre l’amministrazione a contenziosi da parte anche degli utenti per i costi eccessivi imputati”.  Insomma, tornano sotto i riflettori all’ombra del Torrione le questioni legate alla “monnezza” che in quel di Forio – come ricorderanno i più attenti – portò anche ad una inchiesta della magistratura sull’asse che comprendeva anche i Comuni di Lacco Ameno e Monte di Procida. Gli esponenti politici passano il predetto bando ai raggi X evidenziando quelle che ritengono essere diverse anomalie.