FORIO: PARCO NATURALE NEL SITO DEL CASALE, DOMANI IL PRIMO “STEP”

64

Il conto alla rovescia è ormai terminato e quella di domani, venerdì 31 maggio, potrebbe essere una giornata importante, forse quasi campale. Sarà infatti posto il primo tassello per la realizzazione del progetto di riqualificazione del sito di Via Casale che ormai da tempo ospita i residui della drammatica alluvione che il 26 novembre 2022 sconvolse Casamicciola Terme seminando distruzione e morte. Anche in questo caso il copione è già scritto: il riutilizzo dei fanghi ubicati in loco servirà all’istituzione di un parco urbano attrezzato e del Centro operativo comunale, tuttora sprovvisto di una sede idonea e indipendente. Il sindaco di Forio Stani Verde ha firmato il decreto di occupazione d’urgenza delle proprietà private. preordinata all’esproprio per i beni immobili interessati e l’occupazione è fissata proprio per la mattinata di venerdì. La proposta progettuale del Comune del Torrione era già stat formalizzata nel settembre dello scorso anno e fu oggetto anche di un tavolo tecnico alla presenza tra gli altri di Arpac e struttura commissariale. Con un’ordinanza griffata da Giovanni Legnini, la n. 7 del 29 dicembre 2023 si è ritenuto di «disporre il finanziamento del primo lotto del progetto riguardante il riuso dei materiali da frana depositati sul sito di Via Casale finalizzato alla riqualificazione dell’area e alla realizzazione di un parco urbano per l’importo di 2.619.266,62 euro». L’accesso sul luogo dove dovranno svolgersi le opere aprirà di fatto le danze e costituirà il primo atto per la realizzazione dell’opera