IL PUNTO – LOTTARE COME IN FRANCIA PER UNA NUOVA SOCIETA’ SOCIALISTA


60

Il P.C.I.M-L. è al fianco della lotta di questi giorni della classe lavoratrice francese contro il carovita, generato dall’infame sistema economico e sociale dello sfruttamento capitalistico e dal governo borghese asservito agli interessi dei ricchi industriali, agrari, banchieri, finanzieri e mercanti. Ma la lotta su obiettivi minimi non basta, occorre alzare il livello della lotta per cambiare il sistema sociale, da capitalistico a socialista, perché solo questa è la soluzione storica e universale risolutiva della vita infernale che la classe lavoratrice è costretta a vivere quotidianamente.
Bisogna trasformare la lotta, la rabbia e l’indignazione delle masse lavoratrici e popolari in rivoluzione per la conquista della società socialista. In Francia e in tutti i paesi dello sfruttamento e della repressione dello Stato capitalistico bisogna far cadere i governi borghesi, clericali e del capitale, responsabili delle nostre tragiche condizioni di vita: vogliamo garantiti tutti i diritti per una esistenza dignitosa e serena. Occorre formare un nuovo governo provvisorio, che nasca dalla lotta popolare e sostenuto da tutte le forze anelanti la nuova e superiore società socialista. Dinanzi alla volontà popolare nessuna autorità precostituita può reggere e deve cedere il passo al nuovo che avanza e irrompe sulla scena della storia.
Il nuovo governo dei consigli popolari operai, agricoli, dei servizi e territoriali esproprierà di ogni bene la classe capitalistica, che si è arricchita sfruttando il lavoro proletario, esproprierà la ricchezza nazionale rappresentata dal sistema bancario, finanziario e borsistico, nazionalizzerà i mezzi di produzione e le infrastrutture sociali, abolirà lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e garantirà a tutti ogni diritto individuale, familiare e sociale per una esistenza degna di essere vissuta, è la società socialista che libererà l’uomo dal bisogno elevandolo all’autogoverno. Della società.
All’egoismo e alla rapina dei capitalisti, degli sfruttatori delle varie specie, dei banchieri, dei finanzieri, degli strozzini, degli speculatori e della sopravvissuta nobiltà immobiliare e agraria subentrerà il principio e il governo dell’uguaglianza economica e sociale. Tutto questo è possibile sin da subito, basta che la parte più emancipata degli operai e dei lavoratori in genere lo voglia e sia sostenuta dalle forze della rivoluzione socialista. Sbaglia chi considera tale possibilità irrealizzabile, fuori dalla realtà di oggi o utopistica, perché la storia vissuta ci ha già dimostrato che tutto ciò è possibile e basta volerlo. Non capirlo significherebbe condannare l’umanità a una sempre maggiore sofferenza, perché schiacciata dal tallone di ferro dei potenti di turno.
Il P.C.I.M-L. esprime vicinanza e solidarietà di classe e rivoluzionaria alla classe lavoratrice francese
in lotta per la conquista di migliori condizioni di vita e, si augura, anche per la conquista della nuova e superiore società socialista. Viva la lotta di classe, Viva la rivoluzione socialista!

Il P.C.I.M-L – Segretario generale Domenico Savio