ISCHIA, CAMBIANO LOCATION GLI STALLI DESTINATI AD AUTO PER DISABILI

7

di Ennio Anastasio

In realtà il luogo scelto dall’amministrazione comunale di Ischia non è quello per l’ambientazione di un film o per ospitare un evento di vario genere, magari un divertente spettacolo musicale, ma possiamo a pieno titolo parlare di “location” con tutto il trionfo che tale termine merita perchè qualcosa di importante è avvenuto sul nostro territorio: si è posto rimedio a due parcheggi dedicati sì, alla sosta dei veicoli delle persone disabili, ma che erano disegnati come un ritaglio di ciò che rimaneva dell’enorme parcheggio di via Michele Mazzella e quel “ritaglio” in parte anche incastonato a ridosso di un muro a secco di pietre laviche, altro non rappresentava che una vera umiliazione nei confronti di una categoria che dovrebbe ricevere più protezione e tutela da parte delle Istituzioni. Al nostro appello: “Ischia, parcheggi assegnati a persone con disabilità: possiamo migliorarli” seguito da apposita segnalazione civica al prot. n. 5125 del 10 febbraio scorso, l’amministrazione di Ischia, guidata dal Sindaco Enzo Ferrandino, ha risposto in tempi adeguati, “spostando” di qualche metro nell’area dello stesso parcheggio i due stalli col simbolo della carrozzina,  attribuendo ad essi discreta capienza e soprattutto regolarità con il risultato di una maggiore funzionalità per l’accesso e la discesa dall’auto della persona disabile. Insomma, se in tempi remoti si era cercato alla meno peggio di ricavare “qualcosa” anche per il parcheggio delle auto al servizio delle persone disabili sfruttando un angolo incastonato in un muro storto, dove risultava veramente impossibile procedere all’apertura delle portiere proprio per l’esiguità e l’irregolarità dell’area in oggetto, ora si è posto rimedio con due stalli che sicuramente vanno incontro alle esigenze di un’utenza così particolare. Un’azione concreta dove riconosciamo l’impegno dell’amministrazione ma alla quale speriamo faccia seguito la messa in sicurezza del muro a secco sopra menzionato, oramai rigonfio e con evidenti segni di cedimento verso l’interno dello stesso parcheggio aperto alla fruibilità dei cittadini.