ISCHIA E LA MORIA DI PINI, LA FOTO DIVENTA VIRALE


13

di Gennaro Savio

La foto emblematica che abbiamo scattata nelle pineta degli Atleti e in cui si vedono i rami di sei cadaveri di pini intrecciarsi e stringersi in un tetro abbraccio mortale, raffigura bene il concetto de “la bella Ischia” propinataci in campagna elettorale dal sindaco Enzo Ferrandino il quale, mentre ordina l’abbattimento di pini secchi ai privati, continua a non far rimuovere le decine di alberi di sua pertinenza ormai secchi e che nelle pinete, lungo le strade e nei parcheggi ischitani rappresentano un grave rischio per cose e persone: che vergogna!!! Il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, guidato dal Segretario generale Domenico Savio, nel sollecitare pubblicamente e per l’ennesima volta la rimozione di tutti i pini secchi presenti sul territorio comunale a cui deve seguire una celere ripiantumazione, da oggi sui social network pubblicherà una ad una le foto degli alberi secchi che rappresentano un serio pericolo per pedoni, automobilisti e scooteristi. Ben vengano le ordinanze sindacali con cui si intima ai privati di rimuovere pini secchi e per questo a potenziale rischio crollo, ma il primo cittadino ischitano quando comincerà a dare l’esempio abbattendo quelli di sua competenza? Se in questi giorni qualche pino secco è stato rimosso nelle pineta Mirtina è solo perché si sta allestendo il bosco incantato per le imminenti festività natalizie mentre non si è ancora provveduto ad abbattere quelli più pericolosi che a Fondobosso, nel parcheggio antistante il Palazzetto dello Sport, lungo via Leonardo Mazzella e nella pineta degli Atleti continuano a fare brutta e pericolosa mostra di se: assurdo! Cosa si aspetta a farlo? Aspettiamo prima che qualcuno di questi mastodontici alberi ormai fracidi crolli con tutte le gravi conseguenze che ne potrebbero derivare visto che la zona di Fondobosso è quotidianamente frequentata da migliaia e migliaia di persone, soprattutto giovani e bambini, per la presenza del parcheggio, dello stadio, del palazzetto dello sport, dell’Istituto alberghiero, della scuola elementare, dell’asilo, della palestra Sogliuzzo e di alcune attività commerciali? Per la cronaca ricordiamo che se oggi sul territorio ischitano siamo costretti ad assistere impotenti alla totale moria  dell’albero che per antonomasia da sempre rappresenta il simbolo dell’isola Verde, è perché l’attuale e le passate amministrazioni comunali, nonostante le nostre continue sollecitazioni, non hanno provveduto a fare adeguatamente curare i pini attaccati dalla marchellina ellenica o da altri parassiti.