LACCO, SINDACO E ASSESSORI DEVOLVONO LE INDENNITA’ IN BUONI SPESA

7

COMUNICATO STAMPA DI GIACOMO PASCALE (SINDACO DI LACCO AMENO)

IO E LA GIUNTA RINUNCIAMO ALLO STIPENDIO DI NOVEMBRE E IL DECÒ FA UN’IMPORTANTE DONAZIONE: TUTTO IN BUONI SPESA PER CHI È IN DIFFICOLTÀ. APPELLO A “CHI PUÒ”: CONTATTATECI E FACCIAMO RETE

Questa pandemia sta mettendo a dura prova molte famiglie ischitane, stremate da un’emergenza sanitaria che si è trasformata in emergenza economica. Perciò, dopo una riunione con la mia Giunta, abbiamo deciso di fare la nostra parte, dando un segnale concreto: rinunciamo ai nostri stipendi di novembre (1500 euro è lo stipendio del Sindaco e 250 quello di ciascun Assessore), utilizzando la somma per scopi benefici.

Al nostro fianco si è subito schierata la catena di supermercati Decò (della famiglia Lombardi) che ha generosamente deciso di devolvere un “importante” buono spesa. Gli importi potranno essere utilizzati per acquistare generi alimentari, i cui criteri di accesso verranno decisi a breve – in materia trasparente – dalla Giunta comunale. Abbiamo voluto dare un segnale chiaro e preciso: chi può, deve fare qualcosa, deve tendere una mano a chi ne ha bisogno. Siamo una comunità e tutti dobbiamo cooperare. Sinceramente auspico che questo nostro primo passo possa essere emulato da altri, soprattutto imprenditori illuminati capaci di comprendere la gravità del momento: abbiamo padri di famiglia che non riescono a mettere il piatto a tavola!!!

Mi appello alla stampa, mi appello ai cittadini, mi appello a quanti leggono questo comunicato, con la speranza che possa essere condiviso ovunque: “chi può e vuole contribuire”, ci contatti. Anche una cifra simbolica può essere importante ai fini del totale che daremo ai nostri fratelli in difficoltà (renderemo pubblici, salvo indicazione contraria, i nominativi di coloro che contribuiranno con delle donazioni). La nostra amministrazione ha dato un esempio assieme a una grande famiglia ischitana (i Lombardi), che ringrazio infinitamente.

Abbiamo il dovere di dare un segnale di fratellanza: chi può, ci contatti.