OPEN FIBER, ARRIVA SULL’ISOLA LA BANDA ULTRALARGA


47

Open Fiber, la società nata da Gruppo Enel e Cassa Deposito e Prestiti, promette di cablare un’ampia porzione del territorio isolano con l’innovativa Fibra Ottica. Open Fiber non è una concorrente delle principali aziende di telecomunicazioni che operano in Italia, ma un operatore wholesale, ovvero un’azienda che opera nel mercato dell’ingrosso offrendo la propria infrastruttura ai provider autorizzati.

Nella sala conferenze dell’Hotel Manzi a presentare il lavoro che creerà un ponte tra l’isola d’Ischia e il futuro erano presenti i sindaci Giovan Battista Castagna, Giacomo Pascale Francesco Del Deo, in rappresentanza dei territori dove per adesso Open Fiber ha già iniziato ad operare per migliorare il cablaggio dei comuni con la Fibra Ottica. Presente anche Enzo Ferrandino, sindaco del comune di Ischia e Dionigi Gaudioso, primo cittadino del comune di Barano che proprio nei giorni scorsi ha denunciato dal suo account di Facebook i disservizi che i cittadini di comune collinare lamentano da diverso tempo, legati proprio al cablaggio della Fibra Ottica effettuato anni fa da Tim.

Prima della conferenza stampa c’è stata l’inaugurazione dei cantieri nei tre comuni dell’Isola verde, tra i primi dell’intera Campania a rispondere positivamente attraverso la sottoscrizione dell’apposita convenzione con Infratel. A Casamicciola, Forio e Lacco Ameno saranno raggiunte dalla banda ultralarga circa 7mila unità immobiliari, per un investimento di oltre 600mila euro. All’iniziativa hanno partecipato: Valeria Fascione, assessore all’innovazione della Regione Campania; Nicola Marrazzo, presidente della commissione politiche produttive del consiglio regionale campano; i sindaci Giovan Battista Castagna (Casamicciola), Francesco Del Deo (Forio) e Giacomo Pascale (Lacco Ameno); Luigi Cudia, responsabile Operations di Infratel Italia; Francesco Nonno, direttore regolamentazione di Open Fiber; Emanuele Briulotta, responsabile Network&Operations Cluster C/D Area Sud di Open Fiber. Angela Cocchiarella, Direzione Università, Ricerca e Innovazione Regione Campania.

Ischia si prepara così a navigare sul web in maniera sempre più rapida e stabile. Sono infatti partiti nei territori comunali di Casamicciola, Forio e Lacco Ameno i lavori per la realizzazione di una infrastruttura a banda ultralarga interamente in fibra ottica, una rete capillare che garantirà servizi digitali d’ultima generazione a cittadini, turisti, imprese e pubbliche amministrazioni. Il tutto a velocità e prestazioni finora inedite anche nelle grandi città e nelle zone a elevata densità abitativa: 1 gigabit al secondo, con latenza inferiore ai 5 millesecondi. Una rivoluzione tecnologica in atto grazie a un investimento di oltre 600mila euro di fondi regionali e statali, finanziamenti destinati a ridurre il digital divide che affligge l’intero Paese. A posare materialmente la fibra ottica in modalità FTTH (cioè la fibra stesa direttamente all’interno delle abitazioni e degli uffici) e FWA (Fixed Wireless Access) ci sta pensando Open Fiber, la società per azioni che s’è aggiudicata le prime due gare pubbliche per il cablaggio delle cosiddette “aree a fallimento di mercato” in 16 regioni italiane più la Provincia autonoma di Trento. L’intervento è coordinato da Infratel, società in house del Ministero dello Sviluppo economico, con la supervisione della Regione Campania. La concessione affidata a Open Fiber ha durata ventennale, mentre l’infrastruttura è e resterà di proprietà pubblica. L’investimento complessivo relativo alla copertura di 546 comuni campani ammonta a oltre 170 milioni di euro.