PICCHIA LA MOGLIE INCINTA CHE PERDE IL BIMBO, DE SANTIS RESTA IN CARCERE


66

 

Ieri mattina a Napoli si è svolta l’udienza di convalida dell’arresto operato dai Carabinieri nei confronti di Gaetano Michele De Santis, il 45enne accusato di maltrattamenti in famiglia e di interruzione di gravidanza ai danni della compagna senza il suo consenso. L’arresto  è stato convalidato dal giudice delle indagini preliminari. Il magistrato ha anche disposto la conferma di tale misura cautelare, in attesa dei risultati dell’esame autoptico da condurre sul feto. Come si ricorderà, la spiacevole vicenda ha portato alla luce la triste circostanza della perdita del bimbo che F.N., la compagna dell’indagato, portava in grembo da cinque mesi. Un aborto che, secondo i referti medici, risaliva a circa tre settimane addietro. Durante l’udienza di convalida celebratasi in tarda mattinata, anche l’indagato appariva piuttosto provato oltre che colpito, nonostante tutto, dall’inaspettata notizia dell’aborto che ha colpito il bimbo concepito con la compagna. La difesa di De Santis, sostenuta dagli avvocati Immacolata Amato e Marcello Severino, effettuerà in settimana le opportune riflessioni per valutare gli estremi nell’ottica di un ricorso al Tribunale del Riesame, mentre l’esito dell’autopsia avrà verosimilmente un peso importante sul possibile mutamento della misura cautelare da parte del Gip: andrà infatti verificata l’esistenza di un eventuale nesso causale tra i maltrattamenti che la donna ha sostenuto di aver subìto nelle ultime settimane e l’interruzione della gravidanza.