PILATO E IL PD ISCHITANO AL REDDE RATIONEM


71

L’esplosiva e clamorosa intervista rilasciata a Il Golfo dal segretario di sezione del Pd ischitano, non poteva certamente passare inosservata. Né tantomeno non provocare reazioni o un ulteriore “tsunami”. Ma sarebbe ingeneroso parlare di ingenuità: Lello Pilato, in fondo , è uomo e politico navigato e di lungo corso e quando nell’intervista ha sparato a zero contro tutto e contro tutti (bersagli in particolare Giosi Ferrandino, Enzo Ferrandino e il Partito Democratico) – sapeva già che di fatto una serie di attacchi frontali avrebbero compromesso il suo prosieguo come segretario della sezione ischitana del partito che fa capo a Matteo Renzi.

E negli ultimi giorni, infatti, l’aria tra i componenti del direttivo e i destinatari dei “siluri” di Pilato non era assolutamente delle migliori, al punto tale che s è arrivati ad una conclusione chiara ed inequivocabile, un bivio. O Lello Pilato si dimette in autonomia, oppure sarà la sfiducia del direttivo a farlo dichiarare decaduto dall’incarico.