PROCIDA, SODDISFAZIONE DOPO L’ESITO DINANZI AL TAR PER IL PRONTO SOCCORSO


24

C’è comprensibile soddisfazione a Procida, dopo l’accoglimento del secondo ricorso al TAR del Comune di Procida per verificare se l’ASL NA2 Nord avesse correttamente eseguito la sentenza del novembre 2016 che stabiliva il mantenimento del Pronto soccorso h24 nel Presidio ospedaliero della nostra isola.

‘Questo secondo ricorso si era reso necessario in quanto l’ASL, nonostante la sentenza positiva per il Comune di Procida (che nel novembre 2016 aveva dichiarato illegittimo il Piano ospedaliero nella parte in cui eliminava il nostro Pronto Soccorso h24), aveva emesso atti incuranti della suddetta sentenza’ afferma l’Assessore Carannante.

Ebbene, questa seconda sentenza, oltre ovviamente a confermareil mantenimento del Pronto Soccorso di Procida, ha poiespressamente ordinato all’ASL di: “… recepire nel proprio atto aziendale le previsioni contenute nel Piano ospedaliero approvato con DCA n. 8/2018 riferite al Pronto Soccorso di Procida, provvedendovi entro e non oltre 60 giorni dalla notifica o comunicazione della presente ordinanza…”

L’Assessore Carannante ha dichiarato: ‘Avevamo detto che aspettavamo con fiducia la decisione del TARe la nostra fiducia è stata ripagata. Ribadiamo che l’ASL non può ignorare quanto stabilito a livello regionale: su questo saremo sempre intransigenti. Adesso invitiamo l’ASL a ottemperare entro il termine previsto dal Giudice amministrativo, senza costringerci a chiedere la nomina del Commissario ad acta. Lo scontro tra Istituzioni non è mai un bel segnale che si invia al paese. Se non dovesse farlo, procederemo senza indugio. Questa una battaglia di civiltà a tutela del diritto alla salute della nostra comunità che portiamo avanti tutti insieme. Il nostro Pronto Soccorso non si tocca’.