SISMA, CASTAGNA DICE BASTA ALLE LUNGAGGINI BUROCRATICHE


262

 

Anche i democristiani perdono la pazienza, e quella del sindaco di Casamicciola ha raggiunto il limite massimo. Durante lo svolgimento di una teleconferenza, che ha avuto luogo ieri pomeriggio, a cui hanno partecipato anche il collega Giacomo Pascale, primo cittadino di Lacco Ameno, una rappresentanza del Comune di Forio, e soprattutto il commissario all’emergenza Giuseppe Grimaldi, con la sua collaboratrice , avvocato Maria Affinita, e il Capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, Giovan Battista Castagna ha lanciato richieste ben precise: il sindaco di Casamicciola vuole che due persone dello staff del Commissario Grimaldi e altrettante in servizio presso la Protezione civile vengano assegnate a lavorare presso la sede comunale dei Capricho a stretto contatto con i tecnici comunali su tutte le problematiche connesse con la fase d’emergenza tuttora in atto.

Chi era presente durante la teleconferenza assicura di aver visto raramente il primo cittadino così spazientito: a quanto pare, il sindaco si è completamente stufato del continuo rimpallo di richieste provenienti dai collaboratori di Borrelli e Grimaldi, e per mettere fine al continuo stillicidio di lungaggini burocratiche ha preteso con inusitata veemenza, invero atipica per un esponente democristiano, di potersi avvalere di componenti della struttura commissariale e della Protezione civile in maniera tale da recidere alla base la possibilità di incomprensioni reciproche.