TORRE DI SANT’ANNA, VISITE GRATUITE AD APRILE


38

Dopo la conclusione della nona campagna di restauri che il Circolo Sadoul ha programmato con gli specialisti dell’Università di Dresda e in accordo con la Soprintendenza e il Comune d’Ischia, sono state programmate nuove giornate di apertura del monumento ischitano per renderlo fruibile a residenti e ospiti dell’isola. Le visite guidate – della durata di circa 45 minuti – sono come al solito gratuite e si svolgeranno: Sabato 13, Domenica 14, Giovedì 25, Venerdì 26, Sabato 27 e Domenica 28 al mattino, dalle  10:00 alle 13:00  e al pomeriggio dalle  15:00 alle 18:00. E’ questa un’occasione unica per conoscere uno dei monumenti più emblematici dell’isola che raccoglie, tra le mura dell’edificio, una storia nuova tutta da conoscere e da diffondere. A gennaio scorso, presso la Torre di Sant’Anna, alla presenza del Sindaco di Ischia, di alcuni esponenti del Circolo Sadoul e dei relatori della Università di Dresda, vi fu  una prima discussione dei lavori della dottoressa Edith Böhme che, nel corso del 2018, ha svolto un’accurata indagine sulle decorazioni della volta della seconda sala del primo piano della Torre. Alla riunione erano presenti anche i professori Thomas Danzl e Monica Martelli che, dal 2012, seguono i lavori presso la torre ischitana, insieme al Prof. Herm ed alla Dott.ssa Carola Möwald della Università di Dresda ed alla Dott.ssa Sessa, collaboratrice del Prof. Danzl presso la Soprintendenza di Monaco di Baviera.

Nel corso di quell’incontro il Sindaco annunciò che presto sarebbero iniziati i lavori di consolidamento della torre, un’operazione resa possibile grazie a un finanziamento di 242 mila euro ottenuto dalla Regione Campania attraverso il “Poc (Piano operativo complementare) per i beni e le attività culturali. “Il restauro e il consolidamento della Torre – continuò il Sindaco – avranno luogo attraverso tecnologie e strumenti non invasivi, duraturi nel tempo e di elevata compatibilità con la bellezza del luogo”. “Con il recupero delle pitture murarie dei Guevara, presso la Torre di Sant’Anna, ha restituito all’isola un capitolo importante della sua storia e della sua identità culturale”. È con questa motivazione che il Sindaco di Ischia Enzo Ferrandino ha consegnato l’encomio solenne al Prof. Thomas Danzl che dal 2011 sta guidando con professionalità e passione le campagne di restauro compiute ad opera dell’Università di Dresda. Il riconoscimento consegnato questa mattina durante l’ultima fase dei lavori. Grazie a questa campagna di restauro, iniziata nel 2011 in merito a una convenzione che il Comune d’Ischia ha firmato con la Soprintendenza per i beni culturali, il Circolo Sadoul e l’Università tedesca, è avvenuto il recupero delle pitture murarie presenti sul piano nobile dove è stata portata alla luce  una vasta collezione di pitture grottesche, a muro e sulla volta, risalenti alla seconda metà del XVI secolo, realizzate con tecnica a secco ed eseguite sui modelli di Vredeman de Vries. L’ultima fase ha visto, inoltre, il recupero del piano del focolare situato nelle sale del piano nobile.