USURA, CONVALIDATO L’ARRESTO

54

Ieri mattina il Gip del Tribunale di Napoli ha convalidato l’arresto operato dai Carabinieri di Ischia nei confronti del 61enne originario di Poggioreale, accusato di usura aggravata verso un commerciante di Lacco Ameno. L’udienza di convalida si è svolta con l’indagato assistito dal proprio legale di fiducia, l’avvocato Antonio Iacono. L’uomo ha reso alcune dichiarazioni, rivendicato la propria innocenza, e affermando l’esistenza di rapporti amichevoli con la presunta vittima. Un’amicizia che secondo l’indagato durava da ben vent’anni e non esistevano motivi per fare  ricorso alla pratica illecita contestata dall’accusa. L’uomo ha giustificato le proprie ampie disponibilità economiche non con un’attività illegale, ma dal fatto di essere stato di recente destinatario di un’eredità, e di avere venduto alcuni beni mobili. Di fronte alla documentazione rinvenuta dagli inquirenti in fase d’indagine, il 61enne ha spiegato di aver semplicemente prestato denaro con assegni circolari. Quando gli hanno chiesto un aiuto economico, glielo ha procurato portando loro tali assegni, quindi tramite normali operazioni bancarie. Metodologia che non verrebbe usata da chi realmente pratica l’usura. Il Gip tuttavia ha convalidato l’arresto e ha disposto l’applicazione della custodia cautelare in carcere. La difesa inoltrerà ricorso al Riesame.