VARCHI ZTL A ISCHIA, IL COMANDANTE BOCCANFUSO: «ATTENZIONE AI SEGNALI»


358

 

Da tre giorni  è attivo a Ischia il sistema di controllo delle zone a traffico limitato, ma la confusione dei cittadini sembra essere tanta. «La cosa più grave che ho potuto constatare è che la gente non guarda i segnali. C’è stato un medio – elevato numero di auto che sono passate e ora occorre verificare se erano autorizzate o no. Ad oggi non abbiamo ancora studiato il varco n°1, perché è prevista una sanatoria di tre giorni durante i quali è ancora possibile esibire una eventuale giustifica. In un secondo momento analizzeremo la lista dei veicoli individuati dal sistema telematico confrontando la targa e la foto e verificheremo pertanto quelli che non sono autorizzati al transito. Solo così sapremo con certezza il numero dei trasgressori». Lo ha dichiarato il comandante dei vigili urbani di Ischia, Chiara Boccanfuso, in un’intervista rilasciata oggi al quotidiano “Il Golfo”, dove il responsabile della polizia municipale, fra l’altro, fa anche una  considerazione su questa polemica relativa alla dicitura varco attivo – varco non attivo: «Mi dispiace dover chiarire ancora questo aspetto: la dicitura  è prevista in tutta Italia, un indirizzo dato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. La gente si vuole appigliare sulla parola varco che etimologicamente significa ingresso. Noi dobbiamo pensare a varco come  controllo elettronico delle telecamere operativo.  Ci sono casi in cui i giudici hanno annullato questi verbali, ma una sentenza non fa giurisprudenza è sempre il giudice che decide».