VELOCITA’ ECCESSIVA, AUTO INVESTE UN CANE A ISCHIA


24

Strade come circuiti per gare automobilistiche. L’avvocato Mario Goffredo, volto noto della politica ischitana, ha effettuato un accorato appello al primo cittadino di Ischia Enzo Ferrandino: “per piacere mettiamo dissuasori della velocità nelle stradine secondarie. Ho studio in Via dello Stadio e corrono come i maledetti. Pochi istanti fa un cane è uscito da un cancelletto ed è stato preso in pieno, vivo solo per miracolo. Ma non esiste proprio!!”.

Un traffico ormai senza controllo, pieno di automobilisti che guidano ignorando le più elementari regole sancite dal Codice della Strada: “è un’urgenza senza precedenti – sottolinea l’avvocato già candidato alle elezioni comunali di Barano –  le nostre strade sono trappole mortali e non possiamo andare avanti così. Macchine parcheggiate ovunque, visibilità nulla, velocità indecente, almeno due automobilisti su tre con telefono in mano che impegna mani e spesso anche vista (sarebbe carino vedere quante multe per infrazioni del genere vengono comminate, io ne vedo centinaia al giorno). Non si può far finta di nulla!” Un problema sentito da una grossa fetta delle cittadinanza. C’è chi non manca di fare proposte per risolvere il problema, come Gioacchino Taglialatela: “Autovelox fisso sulla soprelevata, dissuasori e semafori. Divieto di circolazione in centro per automezzi non certificati euro cinque. Il decalogo per un paese civile…” una serie di proposte a cui fa eco il consiglio di Lucio Di Meglio che ricorda quanto pericoloso sia diventato anche attraversare sulle strisce pedonali: “Le strisce pedonali,dovrebbero stare prima della fermata degli autobus, poiché spesso e volentieri i “sorpassatori seriali” cercando di superare lì bus e avendo la visuale coperta dallo stesso, arrotano i pedoni che passano sulle strisce. Male non sarebbe – secondo Lucio Di Meglio – superilluminare le strisce, così da renderle particolarmente visibili”.

Il tema del traffico, unito alla spericolatezza con cui molti automobilisti sono soliti affrontare le strade è diventato un nervo scoperto dell’isola cui i cittadini chiedono una veloce e rapida soluzione.