VIGILI URBANI A FORIO, SVOLTA: IL COMUNE DINANZI ALLA DIFFIDA ASSUME LUONGO E SCHIOPPA

6

Svolta decisiva nel concorso sui vigili urbani di Forio, con il Comune che ha deciso per l’immissione in organico di Luongo e Schioppa. Tutto nasce dopo che

una lettera anonima riferiva che alcuni graduati non avrebbero posseduto il requisito per la patente A (richiesta per la partecipazione alla selezione) al momento della presentazione della domanda e che dunque avrebbero compiuto una dichiarazione  mendace circa il possesso dei requisiti. Gli avvocati Trofa e Carnevale hanno diffidato il Comune a riformulare la graduatoria e l’ente lo scorso 18 maggio rilevava in effetti che ben quattro graduati (di cui due assunti e già in servizio) non erano in possesso della patente A al momento della presentazione della domanda di partecipazione e di conseguenza dichiarava “la decadenza dei signori Di Maio Almerina e Trofa Davide dal rapporto di lavoro con il Comune di Forio con effetto immediato; di dichiarare inoltre sempre con effetto immediato la decadenza dall’idoneità della graduatoria in essere dei signori Mio Palmina e Mirabella Emilio”. Una procedura però che di fatto che non prevedeva l’ultimo atto, e cioè di procedere allo scorrimento della graduatoria e alla conseguente assunzione di Luongo e Schioppa. Da qui la nuova diffida dei due legali. Poi, dopo quasi un mese di silenzio ecco la determina che sigla lo scorrimento e l’ingresso in pianta organica dei due esclusi, chiudendo così un lungo e complesso contenzioso.