OPERAZIONE NARCOS, PRESI IL “RE” DELLO SPACCIO E I SUOI COMPLICI

867

In data 28 e 29.12.2017 personale della locale Squadra di PG unitamente ad un equipaggio della Squadra Volante di questo Commissariato, diretto, in prima linea dal Vice Questore Aggiunto MANNELLI dott. Alberto, di intesa con l’A.G. VII Sez. della Procura della Repubblica di Napoli, a seguito di una lunga attività di indagini e pedinamenti svolti su tutto il territorio isolano per molti mesi, riuscivano a mettere fine ad una prosperosa piazza di spaccio .

La guida era tenuta da un giovane, tale IANUARIO MIRKO cl.85 il quale era riuscito a mettere in piedi una vera e propria organizzazione ispirandosi ad una serie televisiva denominata “NARCOS”. Lo IANUARIO riusciva, grazie proprio agli spunti televisivi, a gestire in maniera similare grossi quantitativi di stupefacenti del tipo Marijuana. Lo stesso riusciva a celare per le varie pinete del territorio delle buste di Marijuana del peso lordo di circa 240 gr. Cadauna, inviando le coordinate del nascondiglio a mezzo una App che dopo circa 1 minuto si “auto distruggevano”. Lo I.M. imponeva agli acquirenti l’installazione di detta App che gli permetteva così di muoversi e gestire al meglio gli scambi. Visti gli ottimi profitti ricavati dal provento della vendita a carico dello stesso venivano rinvenuti celati all’interno di un fusto inox interrato in un giardino  nelle pertinenze della sua stessa abitazione, nr. 2 confezioni sottovuoto di sostanza stupefacente del tipo marijuana del peso lordo appunto di gr.250,00. Inoltre il ricavato delle vendite, rinvenuto all’interno della cassaforte dell’ immobile del suo genitore, venivano rinvenuti, sigillati sottovuoto, nr.4 confezioni contenenti banconote tutte da euro 50,00 e 100,00 per un importo complessivo di euro 40.000,00 euro, di una divisa operativa dell’Arma di Carabinieri corredata di cinturone, fondina e berretto inoltre di una pistola modello Glok legalmente detenuta, di un paio di manette e di un Rolex acciaio e oro del valore di circa 5000,00 euro .

Gli agenti, intervenuti prontamente al momento dello scambio tra lo IANUARIO, CALIENDO Giuseppe cl.92 e IACONO Giuseppe cl.85, sicuri della cessione e/o scambio, riuscivano tempestivamente a intervenire e bloccare i tre, rinvenendo addosso al CALIENDO l’importo di euro 800,00. L’accurata ispezione della autovettura in uso allo IANUARIO, che dopo un attento esame è risultata essere una macchina rubata, permetteva di svelare e scovare un nascondiglio segreto creato artigianalmente dall stesso, sito nell’alloggio dell’air bag del lato passeggero. All’interno di esso si scopriva essere celati una mazzetta di soldi, in piccolo taglio, dell’importo di euro 1700,00 circa, ed un involucro sottovuoto contenente 200,00 gr. di marijuana. L’attività di indagine posta in essere nei giorni precedenti, permetteva di attribuire allo stesso IANUARIO precedenti scambi effettuati tra lo stesso e tale FLORENZO Ludovica cl.93 e PIPOLO ROBERTO cl.69, oltre al già citato CALIENDO Giuseppe, i quali, utilizzavano detto stupefacente per mettere in piedi una propria piazza di spaccio. Le perquisizioni effettuate presso le rispettive abitazioni permettevano di scoprire ulteriori elementi che comprovavano l’attività intrapresa di spaccio.

Al termine della brillante operazione condotta in prima linea dal Dirigente del Commissariato, presente sul campo e durante la stesura degli atti e dagli uomini della squadra della locale P.G. ottimamente gestiti dall’ Isp.re GRASSI, le persone su menzionate, d’intesa con il PM di turno e di quello titolare delle indagini venivano tratte tutte in arresto e condotte direttamente nella giornata odierna presso la casa circondariale di Poggioreale e quella di femminile di Pozzuoli in attesa dell’interrogatorio di convalida da parte del Giudice che avrà luogo nei prossimi giorni.