AL RIZZOLI MANCA IL CARDIOLOGO, CANCELLATE DECINE DI VISITE


22

L’anno si avvia a conclusione registrando l’ennesimo disservizio all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. Dopo l’emblematico caso  di una nostra concittadina che aveva prenotato una visita endocrinologica presso l’ospedale lacchese, salvo poi scoprire, il giorno stesso della visita, dopo nove mesi di attesa, che quest’ ultima era stata cancellata e che  anche  l’ambulatorio era stato chiuso  a causa del trasferimento del medico del reparto in un altro ospedale, nuove proteste sono scoppiate  nei giorni scorsi in seno al nosocomio isolano.  Protagonista dei disservizi, questa volta, però, il reparto di cardiologia e numerosi cittadini che, nei giorni scorsi, avrebbero ricevuto  comunicazione da parte del nosocomio isolano in merito alla cancellazione di visite da loro prenotate, neanche a dirlo, mesi addietro. Queste ultime infatti,  sarebbero state cancellata  a causa del trasferimento in una struttura ospedaliera della terraferma, del cardiologo del reparto  in questione, terraferma,  così il nosocomio isolano, privo di personale.

«Ad inizio ottobre- ha segnalato, infatti, una nostra concittadina- mi è stato prescritto un esame cardiologico presso il Rizzoli di Lacco Ameno. Esame  che avrei dovuto fare il 12 Dicembre prossimo. Due mesi di attesa, ma sempre meglio di niente.  Peccato che lo scorso 29  Novembre sono stata contattata  dal personale degli uffici dell’ospedale che mi ha detto che la visita era stata cancellata e che avrei dovuto prenotarmene un’altra.  Il giorno dopo, mi sono così recato al nosocomio per capire cosa fosse successo,  e mi hanno detto che il cardiologo del reparto era stato trasferito a Pozzuoli  e  non era stato mandato ancora alcun altro medico e non sapevano neppure quando questo  quest’ultimo sarebbe venuto. Immaginati la mia reazione quando ho saputo ciò. Un solo ospedale, sull’isola,  un solo cardiologo e nessuno che lo viene a sostituire. Assurdo!!» Vista la situazione, quindi, la nostra concittadina, come c’era da immaginarsi, sarebbe stata costretta  a rivolgersi  ad uno dei centri diagnostici specializzati sull’isola, riuscendo a prenotare una visita entro tempi abbastanza celeri, ma ovviamente con il conseguente esborso di denaro.   E come lei, molti altri cittadini, nei giorni scorsi, si sono ritrovati nella medesima situazione, vedendosi cancellare le visite che avevano prenotato presso l’ambulatorio di cardiologia del nosocomio lacchese.  Non è ancora chiaro, se dal momento della comunicazione ricevute dai cittadini ad oggi, si sia trovata una soluzione né tanto meno se, nel frattempo, il nuovo cardiologo sia in procinto di prendere servizio,  ma di certo  la cancellazione delle visite che erano state fissate per questi inizi di dicembre,  ha fatto infuriare alquanto gli sventurati utenti isolani. «É vergognoso – ha difatti commentato qualcun altro utente che pure si è visto cancellare nei giorni scorsi la visita cardiologica –  pare che lo sapessero già da un mese che il medico sarebbe andato via eppure dall’Asl non si sono minimamente preoccupati di cercare di far fronte in via almeno temporanea a questa situazione.  È davvero umiliante per noi cittadini isolani subire sempre questi disagi. Se hai problemi di cuore, ma a questo punto non solo quelli, puoi anche  lasciarci le penne, prima di trovare un  medico che non sia privato».